Da un’idea di Coop. F.A.I. BERICA onlus

con Andrea Dellai

musiche eseguite dal vivo Moustapha Dembélé

regia Tommaso Franchin

una produzione exvUoto teatro

STORIE MIGRANTI  è il reportage di alcuni viaggi che non sono mai state vacanze, storie di uomini che hanno impegnato tutto per un sogno, che hanno perso qualunque cosa perché il mondo è un po’ troppo sbagliato e cattivo, persone che meritano rispetto solo per aver avuto il coraggio di mettersi in cammino.

L’Italia è al centro di una mappa geografica molto grande sulla quale numerose volte e in numerosi modi diversi sono tracciate ogni giorno le Tratte migratorie. Il nostro Paese sta lì, nel mezzo, testimone attivo di tutto quanto sta accadendo. C’è chi accoglie i nuovi ospiti e c’è chi dà loro degli invasori, chi si prodiga e chi si preoccupa, chi legge e chi guarda il telegiornale, chi si rimbocca le maniche e chi scende in piazza a manifestare. A Milano c’è appena stato Expo: tutto il mondo a portata di mano. Con un passaporto fittizio si andava di padiglione in padigione a caccia del timbro dello Stato ospite, fino a collezionarli tutti: viaggiare non era mai stato così semplice!

Ma è proprio così facile muoversi sul Pianeta Terra? Dipende dal punto di partenza in cui sei …

Abbiamo seguito grazie alla cooperativa F.A.I. BERICA i passi e le parole di alcuni rifugiati ospiti oggi a Vicenza e di fronte a noi si sono aperti spazi sconfinati di nulla, di mare, di deserto, di incertezza, di paura. Questi luoghi nessuno li conosce, nessuno sa descriverli, non bastano le parole, bisogna mettersi in viaggio.

Le storie viaggiano di continente in continente, alcune sono a lieto fine, alcune terminano tragicamente: serve uno spazio dove raccoglierle, conoscerle, incontrarle.

STORIE MIGRANTI è un luogo di raccolta e di ascolto: è un luogo di incontro. Attraverso le voci dei protagonisti di questa nuova terribile Storia che si scrive oggi davanti ai nostri occhi, accompagnati dalla musica di un griot (un cantastorie) del Mali, vogliamo avere la speranza che le pareti della nostra stanza si allarghino un pochino di più.