Il gruppo exvUoto teatro si costituisce attorno al progetto Funi E Desideri Rapidamente Ammazzano, rilettura del mito di Fedra e Ippolito. Dopo numerose esperienze teatrali in territori performativi tra loro molto diversi. Antonia Bertagnon, Andrea Dellai e Tommaso Franchin decidono di sviluppare insieme un linguaggio comune.

Nel 2012 exvUoto teatro partecipa a BeAware, festival di performing arts a Vicenza durante il quale il gruppo comincia la sua sperimentazione in luoghi alternativi e non teatrali: le vetrine dei negozi e gli spazi sfitti. Crea così le performances Storie in Affitto, azione teatrale in un negozio sfitto e Postkarten incursioni teatrali nelle vetrine dei negozi. In seno a questo percorso matura anche WC (White Christmas), performance teatrale per due attori in un bagno pubblico. Questa ricerca sul luogo e sullo sguardo dello spettatore ha portato a definire la poetica di The Love Box.

Con il progetto The Love Box exvUoto teatro è la compagnia vincitrice del bando di residenza teatrale IDRA 2012, progetto per il quale si aggiunge alla formazione anche lo scenografo e costumista Alberto Favretto. The Love Box – Blue Room è ad ArtVerona 2013 nella sezione Independents ospite di Archivio Queer Italia.
Nel Settembre 2013 debutta al Verdecoprente Festival 2.0 The Love Box – White Room.
Nel 2013 exvUoto teatro è ospite della prima edizione del Vicenza Pride Festival con la performance Toccata e Fuga per Coniglio Solo, presentata anche a Londra e a Genova alla prima edizione del Teoremi Performance Festival.
The Love Box è vincitore del bando Assemblaggi Provvisori 2015 e The Love Box – Pink Room debutta all’Accademia dello Scompiglio nel 2016. Nel settembre 2015 The Love Box  – Green Room viene ospitato in Residenza a Verdecoprente.
Nel 2017, in residenza a Verdecoprente, debutta il progetto Mappature Emotive, ad Alviano.
Nel 2018 in residenza al Teatro Groggia a Venezia, nasce Mappatura Emotiva-Sant’Alvise.

Dal 2014 collabora con Clessidra Teatro, di Taranto, in progetti di rigenerazione urbana nel territorio tarantino.
exvUoto teatro organizza inoltre laboratori di formazione e ricerca teatrale aperti a professionisti e non.

Antonia Bertagnon: si forma come attrice a Rovigo e prosegue la sua formazione seguendo i laboratori, tra gli altri, di E.Barba e dell’Odin Teatret, di Tapa Sudana e Danio Manfredini. Nel 1989 entra a far parte come attrice del Teatro del Lemming con il quale lavora fino al 2007. Conduce varie attività di formazione, tra queste,dal 2003, il laboratorio di espressione teatrale per il centro EssAgi, centro di Formazione e socializzazione al lavoro per soggetti deboli.

Andrea Dellai: laureato in lettere antiche presso l’Università di Padova, si forma come attore con Nin Scolari e Teatrocontinuo a Padova, e attraverso laboratori di Pippo Del Bono, Atsushi Takenouchi (danza Butoh), e recentemente con Ricci/Forte e Lindsay Kemp. Partecipa in qualità di attore alla messinscena di Amleto del Teatro del Lemming. Dal 2010 lavora in qualità di Attore con Glossa Teatro di Pino Costalunga e  Fatebenesorelle Teatro diretto dall’attrice Patricia Zanco. Dal 2014 collabora con Fondazione Aida per l’allestimento di spettacoli per ragazzi. Conduce dal 2007 seminari di Teatro. E’ autore di tutti i testi degli spettacoli di exvUoto teatro.

Tommaso Franchin: laureato in Psicologia Cognitiva a Padova e in Scienze e Tecniche del Teatro presso lo IUAV a Venezia, si forma con registi quali Alain Maratrat (compagnia Peter Brook), Claudio Longhi e attraverso i laboratori di Emma Dante, Cesar Brie, Sabino Civilleri e Manuela Lo Sicco con i quali collabora tra il 2010 e il 2012. Nel 2007 è marionettista per la compagnia Carlo Colla e Figli, nello stesso anno vince il concorso per l’allestimento de La Virtù de’ strali d’amore per il Teatro La Fenice a Venezia, sotto la guida di Davide Livermore di cui è anche assistente nel 2010 per l’allestimento di Mefistofele di A. Boito presso il Korea National Opera a Seoul. Sempre nel 2010 è regista de Il Tabarro di G.Puccini per l’accademia Lirica Santa Croce a Trieste. Nella stagione 2013-2014 è assistente di Damiano Michieletto per L’ispettore Generale prodotto dai Teatri Stabili del Veneto e dell’Umbria e aiuto regista di Vitaliano Trevisan per Il Malloppo di Joe Orton.